il borgo

Il borgo di Montalbano di Zocca (Modena)

zoccaborgo

È attestato per la prima volta nel 1186 in un atto di vendita che viene redatto entro il castello di Montalbano (le vecchie mura del castello sono visibile dalle cantine della Antica Locanda La Canonica). Le poche vestigia di tale castello (resti di poderosi portali a tutto sesto e di murature quattrocentesche) furono inglobate nel secolo XVII nella nuova canonica dove rimangono visibili nel lato sud est. Anche il borgo sottostante, al centro del quale sorge la splendida Chiesa di Santa Maria Assunta, un tempo era fortificato ed era possibile accedervi solo da tre porte, purtroppo demolite in tempi recenti (durante la seconda guerra mondiale).
Nella piazzetta del borgo primeggia il loggiato cinquecentesco sostenuto da colonnette caratterizzate da raffinati capitelli. Numerosi nel borgo sono i portali in arenaria, di varie forme, che vanno dal tipo a mensole o a ogiva quattro/cinquecentesca, per culminare nel seicentesco portale in tufo che segnava l’accesso alla corte dell’antica osteria del paese. È presente nel borgo anche un portale ad arco a tutto sesto in mattoni, recante sopra la volta un bassorilievo che raffigura uno stemma. Proveniva da Montalbano l’antica famiglia dei Bondigli alla quale appartenne Giuseppe Maria, insigne giurista, Consigliere di Stato e Segretario del Duca Francesco III d’Este.
Da qualche anno Montalbano è sede di una iniziativa di grande successo: “il Borgo dei Presepi”; dall’inizio di dicembre alla fine di gennaio ogni angolo del borgo si anima con mille Presepi artigianali, realizzati con bottiglie, damigiane, antichi mattoni, coppi in cotto ed ogni altro tipo di materiale. Durante i giorni di festa gli abitanti del borgo intrattengono i visitatori con dolci natalizi, vin brulè ed un mercatino di artigianato natalizio.

Fonte articolo il sito internet: http://www.allacanonica.it/

 

 

Annunci